Chiarimenti per le licenze per attività di vigilanza privata e investigazioni private, e Porto D'armi G.P.G.

 

Nella Circolare del Ministero dell’ Interno n. 557/PAS/12982.AP(3) si chiarisce come si debbano interpretare le modifiche al TULPS apportate dal Decreto Semplificazioni, per le autorizzazioni ex art 134 (licenza per attività di vigilanza privata e investigazioni private) e art. 138 (Porto D'armi G.P.G.)

All' art.13, il DL apporta alcune modifiche al TULPS che potrebbero avere ripercussioni
significative nell'operatività degli Istituti di Vigilanza e delle Agenzie di investigazione.

In sintesi, ecco le novità che potranno impattare sul settore sicurezza sussidiaria:

- all’articolo 13, 1° comma del TULPS, le parole: "un anno, computato" sono sostituite da: "tre anni, computati", il che significa che le autorizzazioni di polizia - inclusa la titolarità della licenza ex art 134 TULPS - passano da uno a tre anni di validità.

- la validità annuale si riferisce solo alla licenza rilasciata dal Questore per porto difesa d'armi lunghe da fuoco e al Prefetto per la licenza di porto d' armi corto, difesa personale (civile) che è rimasta invariata

- restano invece invariati (avevano lasciato un pò di perplessità) il rinnovo biennale del decreto e del porto di pistola per le Guardie Giurate, perché previsto da un'apposita norma.

Circolare del Ministero dell’ Interno n. 557/PAS/12982.AP(3) - in formato .pdf